come difendersi dalle molestie telefoniche

Ecco come difendersi dal reato di molestie telefoniche !!

minacce_telefoniche Stai subendo continue telefonate, di giorno come di notte??

Messaggi e squilli ti stanno facendo perdere il senno??

Non aspettare che la situazione degeneri, o che tu perda completamente il lume della ragione.

La Legge Italiana, per quanto si possa essere scettici, tutela questo tipo di reato, attraverso alcune Leggi e sentenze, che sono state rese molto più efficaci negli ultimi anni…

Quando non configuri un più grave reato, come lo stalking, di cui ho parlato in un altro articolo, il reato di minacce telefoniche è previsto dall Norma del Codice Penale di cui all’art. 660 (Molestie o disturbo alle persone).

Il Codice recita testualmente così:

Chiunque, in un luogo pubblico o aperto al pubblico, ovvero col mezzo del telefono, per petulanza o per altro biasimevole motivo, reca a taluno molestia o disturbo è punito con l’arresto fino a sei mesi o con l’ammenda fino a euro 516.

La Corte di Cassazione con sentenza 21273/2007 , ha messo il punto sulla questione di tali Molestie, fatte  appunto“col mezzo del telefono”.

Già in altre sentenze era emerso l’orientamento di questa Corte, ad evidenziare questo sempre più frequente illecito.

Il comportamento di chi si limita ad importunare ed a molestare le persone, col telefono o altro mezzo simile o, ancora, per strada, in Italia viene punito, seppur con una semplice multa.

In un precedente verdetto, non molto lontano nel tempo, la Suprema Corte, aveva confermato la condanna a 1.000 € di multa ad una donna che aveva fatto una telefonata “muta” di pochi secondi alla rivale in amore, affermando che “la telefonata, anche se muta, era idonea ad interferire sulla libertà della persona chiamata e tale da ostacolare il suo lavoro per petulanza o altro biasimevole motivo”.

Ma aldilà delle citazioni tecniche, ecco cosa devi fare se sei vittima di questo reato:

1) Non prendere iniziative, con messaggi minacciosi o ingiuriosi, inviati al  molestatore, del tipo “se non la pianti ti faccio……!!!” Possono rivelarsi molto controproducenti.

2) Segnati orario e data degli squilli o telefonate. Saranno utili alle Forze dell’Ordine per risalire al nr. chiamante, rilevato dai tabulati in entrata del tuo gestore telefonico.

3) Fai subito la denuncia. Solo attraverso la tua volontà ( il reato è infatti procedibile a querela della parte offesa..), le Forze dell’Ordine procederanno alle indagini dovute, e una volta identificato il molestatore, lo stesso sarà denunciato e condannato per tale reato, qualora non configurino aggravanti.

4) Non ascoltare chi ti dice ” chiedigli perchè…!!, cerca di parlarci…!!! ecc…!! Questi comportamenti sono frutto di disturbi patologici dovuti a molteplici e complessi motivi.

Sovente non sono dovute a tuoi atteggiamenti “provocatori“, ma anche se lo fossero, tipo un tuo ex, o una persona a cui hai regalato un sorriso, di certo non lo autorizza a perseguitarti vita natural durante.

La tua libertà personale, la tua sicurezza e la tua serenità DEVONO essere garantite. Non lasciare che persone mentalmente disturbate, possano minare la tua Vita.

A presto, Nicolò.

===========================================

MAI PIU’ VITTIME DI FURTI E BORSEGGI

============================================



Share

Una risposta a come difendersi dalle molestie telefoniche

  • marco scrive:

    Se siete ke vittime di uno stalker e ricevete continue chiamate o squilli anonimi vi segnalo un servizio molto interessante. http://www.numeronascosto.com permette di scoprire le chiamate anonime che ricevete inviandovi un sms con il numero in chiaro.

    Provare per credere.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Spam Protection by WP-SpamFree